Il sonno dei neonati e dei bambini piccoli può essere difficile da comprendere e prevedere, soprattutto nei primi mesi di vita.

I pisolini si susseguono, l’addormentamento può avvenire in orari diversi ogni giorno e spesso non è chiaro come organizzare il loro sonno. Ecco perché un diario del sonno può essere uno strumento prezioso per aiutare voi genitori a capire meglio i bisogni e il ritmo dei vostri piccoli.

I consulenti del sonno spesso consigliano ai genitori di tenere un diario del sonno per aiutarli a sintonizzarsi con i bisogni dei piccoli e individuare un ritmo. Ecco, se già non lo state facendo, oggi voglio consigliarvi la stessa cosa. Nuovo anno, nuove abitudini! Meglio allora iniziare con il piede giusto.

Non è necessario annotare informazioni complicate in un diario del sonno: basta segnare gli elementi più importanti, come l’orario di sveglia, gli orari e la durata dei pisolini, le finestre di veglia approssimative, l’orario della nanna serale, il tipo di addormentamento (e con chi) e il numero e la durata dei risvegli notturni (con le relative poppate).
Personalmente, utilizzo un diario che ho creato io, con alcune informazioni molto semplici ma efficaci.

Tenere un diario del sonno può aiutare voi genitori a individuare un ritmo, a sentirvi più sicuri e a cogliere in modo più rilassato i segnali di stanchezza e i bisogni dei vostri bimbi.
Online è possibile trovare diverse versioni di diari del sonno, alcune dei quali potrebbero essere adatte alle esigenze della vostra famiglia: oggi voglio conducete il mio con voi, nella speranza che possa esservi utile, e darvi uno spunto per le notti che verranno.

 

Un abbraccio,

tata Elena

Pubblicato il 4 gennaio 2023